Fratelli della Sacra Famiglia ------------------ Provincia Lauretana

fraternità

LE FRATERNITA' a BELLEY

Incontro delle Fraternità Nazarene presenti
a Villa Brea e all'Istituto Scolastico SF di Torino
con la Fraternità del Collège Charles de Foucauld di Lione

(Belley, il 25 maggio 2018)

 

leggi tutto

 

 

 

Le fraternità Nazarene si incontrano a Belley il 25 maggio 2018

Partecipanti : Fr. Giueseppe Accomazzo, Michel Barbut, Gérard Berne, Fr. Teodoro Berzal, Fr. PierinoDotti, Annamaria Gaidano, Fr. Carlo Ivaldi, Régis Malfroy, Annamaria et Bruno Montini, StéphaneNoël, Fr. Simon Ouedraogo, Lina et Luciano Perin, Eric Pireyre, Fr. Robert Ruffier, Giuliana Vitali.

Dopo la riunione e la gioia di stare insieme, diamo notizia di coloro che non sono potuti venire, ma che ci hanno assicurato della loro comunione. La presenza di Gabriele vive nella casa che ci unisce. Dopo una preghiera di adorazione di Gabriel Taborin, che ci mette alla presenza di Dio, ci scambiamo alla luce delle encicliche Lumen gentium e Gaudate et exultate, su Vivere come profeta. È lo Spirito che ci rende individualmente responsabili, è al nostro fianco e ci aiuta. La "classe media di santità" o "santità della porta accanto" è la prossima con cui entriamo in contatto quotidianamente nel nostro lavoro, nelle nostre occupazioni e nelle nostre attività del tempo libero. Non ci sono cose straordinarie! Giuseppe ci ricorda che il profeta non è colui che annuncia il futuro, ma colui che parla, colui che testimonia. Ognuno è chiamato ad essere testimone.
La missione e la vocazione profetica della fraternità Nazarena è di essere pienamente maschio o femmina nella famiglia e nella Chiesa.
Theodore sottolinea che per canonizzare qualcuno non si guardano i doni della persona ma l'eroismo delle sue virtù. Dobbiamo impegnarci a rispettare, onorare e sviluppare uno stile di vita fraterno.
Stéphane indica che una lettera di missione episcopale e congregazionale è un impegno quotidiano per prendersi cura degli alunni e del mix sociale desiderato da Fratel Marc. Una riflessione ha permesso un'apertura agli altri e ai più poveri. E' stato elaborato un programma finanziario per aiutare le persone più svantaggiate. Con i nostri piccoli mezzi come esseri umani, cerchiamo di vivere il carisma di Gabriel Taborin.
Per un fratello della Santa Famiglia, essere profeta significa approfondire lo spirito di famiglia nella semplicità, nell'accoglienza e nell'apertura a tutti. La missione dei religiosi è di testimoniare la fraternità. Coinvolti nella borsa di studio, cosa ci unisce? Siamo in grado di cogliere ciò che Gabriel Taborin ci sta lasciando? Chiediamo al Signore di aprire i nostri cuori.
Franca ci dice che la Chiesa ha bisogno di profeti, di uomini di speranza, di uomini di condivisione delle gioie e dei dolori.
Alla fine della mattinata, andiamo nella cattedrale per riflettere e pregare sulla tomba del Fratello Gabriele.
Dopo un pasto conviviale, ci scambiamo regali e souvenir. Che gioia vedere Fratel Nizier mostrare magnificamente il suo 99° compleanno!
Fratel Theodore, ci ha mostrato la casa appena acquistata dalla comunità che i religiosi avevano occupato al tempo del fondatore. Permetterà di ristrutturare l'archivio e di accogliere meglio visitatori e pellegrini.
Alle 14 riprendiamo gli scambi e discutiamo della storia e delle origini delle fraternità. In Italia, dal 1991, la fraternità nasce dai laici che vogliono vivere il carisma. C'è desiderio di fraternità, e Fratel Theodore è il primo a intraprendere il processo di fraternità. Fu proprio nel 1993 che la Fraternità nacque con laici che credono nella santità del fondatore Gabriele. Nel cuore della provincia Lauretana abbiamo riflettuto per studiare la situazione del fratello oggi: vocazione, missione, carisma, spiritualità. Come può la nostra presenza nella Chiesa oggi dare vita a questo dono dello Spirito ? La comunità dei frati considera la fraternità con uno sguardo positivo, con tenerezza, come un dono prezioso per la Chiesa. I frati non vedevano arrivare la successione e il loro numero diminuisce, sono una decina in Francia, una ventina in Italia. Tuttavia, qual è il posto della FSF nella Chiesa di oggi ? È nell'umiltà che dobbiamo trovare la nostra identità in una chiesa in evoluzione diversa. Spetta a noi riflettere ed evolvere per assicurare la nostra missione nel mondo di oggi.
Fr. Francsico Cabrezito, detto Paco, è il coordinatore della Direzione Generale delle Fraternità Nazarene. Ci accompagna in questo 25° anniversario. Purtroppo, ai frati mancavano talvolta l'ascolto e l'accompagnamento delle fraternità. Si rendono conto che questi doni sono speciali e che non devono mai essere persi. In Sud America, i membri ci hanno mostrato l'esempio dei cristiani nella Chiesa, legati a una comunità religiosa. È essenziale e vitale continuare a chiedere allo Spirito di mandare dei lavoratori per raccogliere.
Stéphane sottolinea un asse importante, quello della gioia, della gioia di ritrovarsi, della gioia familiare, della gioia condivisa tra i vari membri della comunità educativa. Durante gli incontri internazionali, ci sentiamo concretamente parte della stessa famiglia. Lavoriamo per organizzare delle vendite a beneficio dei più poveri e dei più indigenti. Ci piace sviluppare tutto ciò che arricchisce e nutre questo senso di famiglia. Fratelli e laici, abbiamo bisogno gli uni degli altri. La Fraternità di Lione ha 16 anni di esistenza, la sua specificità è che ha molti più insegnanti che genitori o ex genitori.
Theodore mette in evidenza la diversità delle situazioni nelle fraternità al livello mondiale.
Attualmente 190 membri sono associati a un impegno davanti a un provinciale o a un suo
rappresentante. 500 membri sono coinvolti spiritualmente senza impegnarsi come i primi citati. Perché non ci sono Oblati della Sacra Famiglia ? I membri della FSF sono religiosi laici, quindi non creeremo una funzione clericale.
Eric dice l'importanza di azioni comuni, incontri modello con la partecipazione e il sostegno dei partner o dei membri impegnati. Se Joëlle fa vivere la comunità cristiana all'interno di Charles de Foucauld, la fraternità per capillarità porta il suo aiuto al compimento della sua missione di Chiesa. Gli statuti delle fraternità prevedono regole o azioni rigorose. Qualcuno potrebbe dire : "Non mi sento in grado di seguire delle regole così esigenti". Sono state pensate e scritte da fratelli. Ma sono giuridicamente necessarie per strutturare le cose.
Pierino pensa che ci siano delle prescrizioni, ma Theodore modera o differisce dicendo che in realtà in questo impegno non si prende nessun impegno, se non quello di vivere nel proprio ambiente un modo di essere. Il tempo di formazione di una settimana o di un anno non può corrispondere a una madre di famiglia. Basta amare e vivere in ordine con la propria coscienza e fede.
Carlo aggiunge che l'incontro è una cosa viva, è necessario dare vita alle fraternità per conoscersi meglio. È meglio parlarne tutti insieme per potere aiutare gli altri. L'opera sociale che svolgiamo insieme alimenta e fa crescere la fraternità all'interno della nostra comunità. Per Eric, è imperativo testimoniare, dire chi siamo e qual è il nostro progetto di vita se vogliamo assicurare la missione di evangelizzazione che è la nostra responsabilità. Osiamo, non abbiamo paura. La nostra presenza reale e attiva, umile e discreta all'interno del complesso scolastico, è desiderata durante i pasti di solidarietà, le Olimpiadi, le celebrazioni eucaristiche. Perché non pensare a un'attività o a un'animazione proposta e diretta dai membri della fraternità ? Sarebbe opportuno realizzare un opuscolo contenente informazioni utili alla vita della famiglia taboriana, con i recapiti dei membri delle fraternità della provincia Lauretana. Potrebbe essere inserito dopo quello dei fratelli della Sacra Famiglia. Questo ci permetterebbe di conoscerci meglio e di comunicare, augurarci feste e compleanni....
Concludiamo il nostro incontro con un Padre Nostro.
3 :15 ci salutiamo tra baci e abbracci fraterni. Ringrazio tutti per questo breve ma arricchente incontro. Grazie mille ai fratelli di Belley per la loro accoglienza e a Martine : è lei la cuoca come indicato sul suo grembiule !

Fraternamente
Gérard et Michel ; traduzione : Nicole

Rencontre des fraternités nazaréennes à Belley le 25 mai 2018
Participants : Fr. Giueseppe Accomazzo, Michel Barbut, Gérard Berne, Fr. Teodoro Berzal, Fr. Pierino Dotti, Annamaria Gaidano, Fr. Carlo Ivaldi, Régis Malfroy, Annamaria et Bruno Montini, Stéphane Noël, Fr. Simon Ouedraogo, Lina et Luciano Perin, Eric Pireyre, Fr. Robert Ruffier, Giuliana Vitali.
Après les retrouvailles et la joie d’être ensemble, nous donnons des nouvelles de celles et ceux qui n’ont pu venir mais qui nous ont assurés de leur communion.
La présence de Gabriel habite la maison qui nous réunit. Après une prière d’adoration de Gabriel Taborin, qui nous met en présence de Dieu, nous échangeons à la lumière des encycliques Lumen Gentium et Gaudate et exultate, sur le Vivre en prophète. C’est l’ Esprit qui nous responsabilise individuellement, il est à nos côtés et nous aide. La «classe moyenne de la sainteté» ou la sainteté « de la porte d’à côté », c’est le prochain que nous côtoyons au quotidien dans le travail, nos occupations et nos loisirs. Pas de choses extraordinaires! Joseph, nous rappelle que le prophète n’est pas celui qui annonce le futur mais celui qui parle, celui qui témoigne. Toute personne est appelée à être témoin.
La mission et la vocation prophétique de la fraternité nazaréenne est d’être pleinement homme ou femme au sein de la famille et dans l’Église.
Théodore fait remarqué que pour canoniser quelqu’un, on ne regarde pas les dons de la personne mais l’héroïcité de ses vertus. Nous devons nous engager à respecter, honorer et développer un style de vie fraternelle.
Stéphane indique qu’une lettre de mission épiscopale et congréganiste est un engagement quotidien pour prendre soin des élèves et de la mixité sociale voulue par frère Marc. Une réflexion a permis une ouverture aux autres et aux plus pauvres. Un programme financier a été fait pour aider les plus défavorisés. Avec nos petits moyens d’êtres humains, nous essayons de vivre du charisme de Gabriel Taborin.
Pour un frère de la Sainte-Famille, être prophète, c’est approfondir l’esprit de famille dans la
simplicité, l’accueil et l’ouverture à tous. La mission du religieux consiste à témoigner de la
fraternité. Engagé(e)s dans la fraternité, qu’est ce qui nous rassemble? Sommes nous capables de saisir ce que Gabriel Taborin nous lègue? Demandons au Seigneur qu’il ouvre nos coeurs.
Franca, nous dit que l’Église a besoin de prophètes, hommes d’espérance, hommes du partage des joies et des peines.
En fin de matinée, nous allons à la cathédrale nous recueillir et prier sur la tombe de frère Gabriel.
Après un repas convivial, nous échangeons quelques cadeaux et souvenirs. Quelle joie de voir frère Nizier arborer magnifiquement ses 99 ans !
Frère Théodore, nous fait visiter la maison nouvellement acquise par la communauté que du temps du fondateur, les religieux avaient occupée. Elle permettra de restructurer les archives et de mieux accueillir visiteurs et pèlerins.
A 14h00, nous reprenons nos échanges et abordons l’histoire et les origines des fraternités. En
Italie, dès 1991, la fraternité naît par les laïcs qui veulent vivre le charisme. Il y a un désir de
confrérie, et frère Théodore est le premier à entreprendre la démarche de fraternité. C’est réellement en 1993, que naît la Fraternité avec des laïcs qui croient à la sainteté du fondateur Gabriel. Au sein de la province laurétane , nous avons mené une réflexion pour étudier la situation du frère aujourd’hui : vocation, mission, charisme, spiritualité. Comment notre présence dans l’Église aujourd’hui peut-elle faire vivre ce don de l’Esprit. La communauté des frères considère la fraternité avec un regard positif, avec tendresse, comme un don précieux pour l’Église. Les frères ne voient pas la relève arriver et leur nombre décroît, ils sont une dizaine en France, une vingtaine en Italie. Malgré tout, quelle est la place du FSF dans l’Église d’aujourd’hui? C’est en bas dans l’humilité que nous devons trouver notre identité dans uns église différente en évolution. A nous de réfléchir et d’évoluer pour assurer notre mission dans le monde actuel. Frère Francsico Cabrezito, dit Paco, est le coordinateur de la Direction générale pour les Fraternités nazaréennes. C’est lui qui nous accompagne lors de ce 25ème anniversaire.
Les frères, malheureusement, ont parfois manqué d’écoute et d’accompagnement de fraternités. Ils réalisent que ces dons sont particuliers et qu’ils ne faut en aucun cas les laisser se perdre. En Amérique de Sud, les membres, nous ont montré l’exemple de chrétiens en Église, attachés à une communauté religieuse. Il est essentiel et vital de continuer de demander à l’Esprit d’envoyer des ouvriers à la moisson.
Stéphane met en exergue un axe important, celui de la joie, joie des retrouvailles, joie familiale, joie partagée entre les divers membres de la communauté éducative. Lors des rencontres internationales, nous ressentons concrètement cette appartenance à une même famille. Nous nous ingénions pour organiser des ventes au profit des plus pauvres et des plus démunis. Nous apprécions et développons tout ce qui enrichit et nourrit ce sens de la famille. Frères et laïcs, nous avons besoin les uns des autres. La Fraternité lyonnaise à 16 ans d’existence, sa spécificité c’est qu’elle agrège beaucoup plus d’enseignants que de parents ou anciens parents.
Théodore met en évidence la diversité de situation dans les fraternités au niveau mondial.
Actuellement 190 membres sont associés avec un engagement devant un provincial ou son
représentant. 500 membres sont spirituellement impliqués sans pour autant s’engager comme les premiers cités.
Pourquoi n’y a t-il pas d’oblats Sainte-Famille? Les FSF sont des religieux laïcs, nous n’allons
donc pas créer de fonction cléricale.
Eric dit l’importance d’actions communes, de rencontres modèles avec la participation et le soutien des associés ou engagés. Si Joëlle fait vivre la communauté chrétienne au sein de Charles de Foucauld, la fraternité par capillarité apporte son aide à l’accomplissement de sa mission d’église.
Les statuts des fraternités donnent des actions ou des règles strictes. Certaines personnes peuvent dire : « Je ne me sens pas capable de suivre de tels statuts assez exigeants. » Ils ont été pensés et écrits par des frères. Mais ils sont nécessaires sur un plan juridique pour structurer les choses.
Pierino pense qu’il y a des prescriptions, mais Théodore modère ou diffère disant qu’en fait dans cet engagement on ne prend aucun engagement, sinon celui de vivre dans son propre milieu une manière d’être. Le temps de formation d’une semaine ou d’une année, ne peut être adapté à une mère de famille. Il suffit d’aimer et de vivre en règle avec sa conscience et sa foi.
Carlo rajoute que la rencontre est une chose vivante, il faut mettre la vie dans les fraternités pour mieux se connaître. Il est souhaitable de s’accorder pour assurer un service pour les autres. L’oeuvre sociale que l’on réalise ensemble, nourrit et fait grandir la fraternité au sein de notre communauté.
Pour Eric, il est impératif de témoigner, dire qui nous sommes et quel est notre projet de vie si nous voulons assurer la mission d’évangélisation qui nous incombe. Osons, n’ayons pas peur. Notre présence réelle et active, humble et discrète au sein de l’ensemble scolaire est souhaité lors de repas solidaire, bol de riz, olympiades, célébrations eucharistiques et fêtes. Pourquoi ne pas envisager une activité ou animation proposée et conduite par des membres de la fraternité?
Il serait judicieux de réaliser un livret contenant les renseignements utiles à la vie de la famille
taborienne avec les coordonnées des membres des fraternités de la province laurétane. Il pourrait être inséré à la suite de celui des frères de la Sainte-Famille. Cela nous permettrait de mieux nous connaître et communiquer, se souhaiter fêtes et anniversaires...
Nous terminons notre rencontre en priant un Notre Père.
15h15, nous devons prendre congé avec bises et accolades fraternelles. Merci à toutes et à tous pour cette trop courte mais enrichissante rencontre. Grand merci aux frères de Belley pour leur accueil ainsi qu’à Martine c’est elle la chef comme l’indique son tablier!

Fraternellement
Gérard et Michel

Venerdì 25 maggio 2018 le Fraternità Nazarene italiane si sono recate a Belley per l’incontro annuale con la Fraternità nazarena di Lione. All’arrivo di tutti i partecipanti ci siamo riuniti nella grande sala della Casa abitata da fratel Gabriele ed è iniziata la nostra giornata di riflessione.
Le parole di fratel Pierino, il Provinciale dei fratelli italiani e francesi ha aperto la seduta dando a tutti il benvenuto e augurando buon lavoro.
La mattinata è stata dedicata a riflettere sul tema “Tutti siamo chiamati a vivere da profeti”. Oggi sembra che essere profeti sia legato in particolare ai religiosi.
In realtà quanti siamo battezzati in Cristo siamo chiamati ed inviati per essere testimoni e profeti dove viviamo ed operiamo, in quel segmento di storia a cui anche noi contribuiamo a realizzare.
Non ha importanza il ruolo che compiamo nella società o in un piccolo ambiente. Nostro compito è sempre di far risplendere la luce del vangelo e annunciare l’amore misericordioso di Dio che ci salva.
Quando siamo stati battezzati il sacerdote ha toccato il nostro orecchio e la nostra bocca dicendo:” Il Signore ti conceda  di ascoltare presto la Sua Parola e di professare la tua fede”.  Questo è il mandato che abbiamo ricevuto all’inizio della nostra vita cristiana: ascoltare la parola di Dio e annunciarla al mondo.
Diventare profeti in Cristo significa essere abilitati ed impegnati ad annunciare il Vangelo con la parola e con le opere. Questo annuncio viene fatto anzitutto con la testimonianza  di una vita coerente con la fede che si professa e anche attraverso la testimonianza delle parole.
Ci aiuta Papa Francesco quando parla della santità nell’esortazione apostolica  “Gaudete et exultate”. E’ la santità che è testimonianza e profezia. E aggiunge esempi. “Mi piace vedere la santità nel popolo di Dio paziente: nei genitori che crescono con tanto amore
i loro figli, negli uomini e nelle donne che lavorano per portare il pane a casa, nei malati, nelle religiose anziane che continuano a sorridere. In questa costanza per andare avanti giorno dopo giorno vedo la santità della Chiesa militante. Questa è tante volte la santità “della porta accanto”, di quelli che vivono vicino a noi e sono un riflesso della presenza di Dio, o, per usare un’altra espressione, “la classe media della santità”.[4] Sei sposato? Sii santo amando e prendendoti cura di tuo marito o di tua moglie, come Cristo ha fatto con la Chiesa. Sei un lavoratore?  Sii santo compiendo con onestà e competenza il tuo lavoro al servizio dei fratelli. Sei genitore o nonna o nonno? Sii santo insegnando con pazienza ai bambini a seguire Gesù. Hai autorità? Sii santo lottando a favore del bene comune e rinunciando ai tuoi interessi personali.[14]”
Dopo questa premessa ci siamo chiesti cosa possiamo fare noi per essere profeti secondo il ruolo che occupiamo nella società. Se sono un animatore occorre che io apra il cuore a tutti, sia capace di comprendere le necessità del mio/miei interlocutori. Sono un responsabile nella scuola? Occorre che sappia ascoltare i ragazzi e i giovani, che capisca i loro problemi e sia sempre pronto a dare loro una mano. Sono uno che appartiene alla Fraternità? Devo sempre testimoniare la fraternità verso tutti, specie  verso i più poveri; mai chiudere la porta a nessuno.
Nel pomeriggio abbiamo ricordato i 25 anni della fondazione ufficiale Dell’Associazione Fraternità Nazarene decisa dal Capitolo Generale nel 7 gennaio 1993. La nostra riflessione ha seguito il testo preparato apposta dal fratel Paco per il venticinquesimo.
Oggi le Fraternità nazarene sono nel mondo sono 44, i membri che hanno pronunciato gli impegni sono 190 che con i simpatizzanti raggiungono la cifra di 500. Un grazie particolare vogliamo innalzare a  fratel Gabriele e alla santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe per questi 25 anni fecondi di fraternità. La gioia e la riconoscenza ci spinge a diffondere la fraternità all’interno delle nostre scuole, specie tra i giovani e all’esterno dove tessiamo relazioni.
Suggerimenti finali: vedere se possibile scambio di notizie tra le varie Fraternità che vengono pubblicate all’interno di ogni provincia dei fratelli. Inoltre ogni fraternità potrebbe proporsi per l’anno futuro un piccolo impegno sociale.

Ricordiamo poi che a metà giornata ci siamo recati nella cattedrale di Belley per una fervente preghiera sulla tomba di fratel Gabriele, l’ispiratore del nostri carisma di spirito di famiglia.Nel ritorno da Belley, il giorno dopo, ci siamo recati alla “Grande Certosa” nei pressi di Chambery. Questa certosa non ammette visitatori all’interno, ma ha un ricco museo che illustra la vita del monaco certosino nella sua vita di preghiera e di lavoro. Ci siamo attardati ben due ore per conoscere la vita tutta particolare di questi uomini di Dio.


E’ stato bello, come sempre, condividere la fraternità tra gruppi diversi: sentiamo che ci unisce qualcosa di profondo, un sentire che mette subito in sintonia. Queste riunioni, anche se rade, una volta all’anno, ci fanno sperimentare la fraternità, così come l’aveva immaginata fratel Gabriele per i suoi Fratelli e i suoi amici laici.
Fratel Giuseppe

aternità